8.4 C
Milano
lunedì 5 Dicembre 2022

Ascensore precipitato, la causa e’ il cavo portante spezzato

L’ascensore e’ piombato giu’ per venti metri con i due manutentori sopra dopo che il cavo si e’ spezzato di netto. Questa la prima ipotesi della Procura. Uno dei due operai è morto sul colpo mentre l’altro è in gravissime condizioni al Niguarda, dopo che sono precipitati per 20 metri all’interno del vano di un palazzo in ristrutturazione di viale Monza 2, vicino a piazzale Loreto.

Ha dell’incredibile l’ultimo, gravissimo, incidente sul lavoro. Con un morto e un ferito grave per un ascensore che avrebbe dovuto essere in sicurezza. Invece il cavo portante si e’ spezzato di netto, per motivi che gli inquirenti cercheranno di scoprire, con i due operai ancora sopra.

La stessa Cgil ha commentato con amarezza l’ennesimo incidente sul lavoro a Milano con un post sulle proprie pagine social. Solo nelle ultime settimane nella metropoli si sono verificati almeno quattro incidenti gravi. L’incidente, assurdo, ricorda per drammaticita’ quello costato la vita a due operai a fine settembre all’Humanitas, investiti da una fuga di azoto liquido.

Il post della Cgil di Milano dopo la tragedia

I due non erano legati ”ma lavoravano in sicurezza” nell’ascensore precipitato

A quanta risulta, i due stavano lavorando sull’apparecchio, che era collegato in apparente sicurezza, e all’improvviso il cavo portante si e’ tranciato di netto facendo cadere l’ascensore con i due uomini nel vano. L’elemento è emerso dai primi accertamenti nelle indagini coordinate dal Dipartimento ambiente, salute, sicurezza, lavoro della Procura di Milano e condotte da una squadra specializzata di polizia giudiziaria.

I due operai erano al lavoro per la Schindler, una multinazionale di ascensori. Gli investigatori stanno verificando l’esatta dinamica di quanto accaduto e dai primi elementi raccolti pare che entrambi fossero sopra l’ascensore, all’esterno, e che non avessero imbracature anche perché stavano lavorando in apparenti condizioni di sicurezza. Poi il cavo si è rotto e i due sono precipitati assieme all’ascensore dall’altezza del quinto piano. 

La vittima: un 55enne slovacco, lavorava per la multinazionale Schindler

La vittima è un uomo di 55 anni, Jaroslav Marnka, cittadino slovacco. Il ferito è un suo connazionale 26enne. Ha perso molto sangue ed e’ ricoverato in gravi condizioni con traumi alla testa, al volto, al torace e alla gamba.

Incidente sul lavoro

Ora si dovrà accertare, attraverso consulenze tecniche che verranno disposte dalla Procura, il motivo per cui il cavo si è tranciato, ma anche perché non siano entrati in funzione dei meccanismi di frenata, i cosiddetti “pattini”, che si attivano in casi di emergenza quando gli ascensori cedono. Al momento, è stata sequestrata tutta la colonna del vano e dopo le prime relazioni degli investigatori gli inquirenti dovranno disporre le consulenze tecniche. Sarà necessario procedere anche con iscrizioni nel registro degli indagati a garanzia per svolgere gli accertamenti. Gia’ aperto il fascicolo per omicidio colposo. La procura ha disposto anche l’autopsia sul corpo del manovale morto.

Francesco Gastaldi
Francesco Gastaldi
Giornalista professionista dal 2004, formatosi sulle cronache sportive prima di imboccare la strada della cronaca e della politica. Vent'anni e oltre di redazione al Cittadino di Lodi, iniziando sui campi di calcio della serie D per terminare co-dirigendo il desk di cronaca. Oggi collabora con il Corriere della Sera Milano e associazioni di categoria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles