4.4 C
Milano
venerdì 9 Dicembre 2022

No Green Pass, in 2mila in piazza con il Nobel Montagnier e Melandri

Il premio Nobel Montagnier – icona della galassia No Vax – e Marco Melandri, l’ex campione di motociclismo che a detta sua ha fatto di tutto “per contagiarsi ma non e’ stato affatto facile”. L’obiettivo? Evitare il richiamo obbligatorio al vaccino. E ancora, in collegamento Robert Kennedy Jr. che a Milano aveva gia’ arringato il popolo dei No Green Pass sotto l’Arco della Pace. Questi i relatori di Italexit e di Gianluigi Paragone al presidio anti Green Pass organizzato sabato pomeriggio in piazza XXV aprile, in zona Garibaldi a Milano. Alla manifestazione “no green pass” organizzata dal giornalista tv ed ex direttore della Padania, poi deputato del M5S prima di entrare nel Gruppo Misto, Gianluigi Paragone.

Presidio tranquillo ma cori contro Draghi

Al corteo No Green Pass hanno preso parte almeno 2000 persone, si dice, tutte radunate intorno a Paragone al grido di “No Green Pass” e “giu’ le mani dei bambini”. La galassia No Green Pass dopo gli ultimi assalti falliti in Duomo a dicembre ha ripreso a organizzare i cortei, ma stavolta in mano organizzata. Piu’ che cortei, “presidi statici” come concordato con la questura. Dopo gli oltre venti cortei sfociati in incidenti infatti la procura antiterrorismo ha aperto un fascicolo con numerose perquisizioni e diversi indagati a causa dei disordini scatenati durante le manifestazioni.

Montagnier

I presidi di Italexit invece rientrano nella strategia di una “protesta controllata”. Nel pomeriggio molto atteso l’intervento di Luc Montagnier, virologo francese insignito nel 2008 del Nobel per la medicina. Montagnier fin dallo scoppio della pandemia e’ diventato un punto di riferimento per tutta la galassia no vax per le sue posizioni negazioniste. «È un crimine assoluto dare oggi questi vaccini ai bambini — ha detto — Invito i miei colleghi a fermare la vaccinazione di questo tipo». E ha aggiunto che “anche i malati hanno scoperto che il vaccino non funziona. Invece di proteggere favoriscono altre infezioni”. Paragone annuisce: «Se un professore della sua statura dice determinate cose io lo ascolto».

No Green Pass, Melandri: “Ho cercato di contagiarmi per non dovermi vaccinare”

Melandri

Alll’inzio si e’ radunato circa un migliaio di partecipanti, poi cresciuto via via fino a circa duemila persone, che hanno anticipato i primi interventi con i soliti cori contro il passaporto verde. Molte le proteste contro il governo Draghi (“Draghi dimettiti!” e “Draghi vattene”). Pochissimi tra il pubblico hanno rispettato le distanze o l’uso della mascherina. Oltre all’intervento del premio Nobel ha fatto discutere l’ex campione di Moto GP Marco Melandri. “Mi sono contagiato apposta per poter essere in regola almeno qualche mese e non è stato nemmeno facile. Mi sono dovuto contagiare per lavorare, non considerando il vaccino un’alternativa valida». Melandri ha chiarito: “I ragazzi devono poter fare sport. Io sono contro le violazioni della libertà».

Francesco Gastaldi
Francesco Gastaldi
Giornalista professionista dal 2004, formatosi sulle cronache sportive prima di imboccare la strada della cronaca e della politica. Vent'anni e oltre di redazione al Cittadino di Lodi, iniziando sui campi di calcio della serie D per terminare co-dirigendo il desk di cronaca. Oggi collabora con il Corriere della Sera Milano e associazioni di categoria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles