21.3 C
Milano
sabato 20 Agosto 2022

La cocaina arriva con il taxi express: sei trafficanti arrestati

Un servizio taxi per portare la droga a destinazione. Un’organizzazione criminale gestita da due fratelli che che controllava il traffico di cocaina al Giambellino. Un giro d’affari almeno 5 chili di cocaina al mese. La polizia di Milano ha arrestato sei trafficanti, cinque italiani e uno di origini albanesi. Fra loro anche il tassista, che usava il suo “cab” per trasportare la coca senza destare sospetti.

Gli agenti hanno applicato le misure a una banda di pusher della zona Giambellino-Cesano Boscone emessa dal gip presso il tribunale di Milano. Le indagini della Dda – sostituto procuratore Silvia Bonardi, coordinata dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci – sono a carico di 5 cittadini italiani e uno albanese. Tutti collegati a un gruppo criminale dedito al traffico di stupefacenti tra nella zona sud-ovest di Milano.

I due fratelli “gestivano” il traffico di cocaina

A effettuare gli arresti Sezione antidroga della Squadra mobile. A capo del gruppo criminale risultano i fratelli L. e M. P. di 48 e 54 anni. I due da tempo controllavano lo spaccio di cocaina tra Cesano Boscone (Milano) e il Giambellino. I sei avevano tutti ruoli ben definiti, dallo stoccaggio della droga al rifornimento dei clienti. Le indagini hanno portato alla luce un giro di minimo 5 chilogrammi di cocaina distribuiti al mese.

Le indagini sulla banda iniziano il 2 aprile 2021 con l’arresto di T.P., uno dei trafficanti trovato dai poliziotti in possesso di un pezzo di 750 grammi di cocaina ancora da tagliare. L’uomo era stato controllato dagli agenti mentre stava andando in un bar di Cesano Boscone per una consegna. L’uomo era stato trovato a bordo di un taxi. Circostanza che ha fatto sospettare subito agli agenti dell’antidroga che quella fosse la metodologia per spostare la droga.

La cocaina arriva via taxi: preso l’autista 62enne

L’indagine e le prove acquisito hanno confermato i sospetti. Il gruppo gestiva le piazze di spaccio tra il quartiere “Giambellino” e il comune di Cesano Boscone. E per non destare sospetti nelle forze di polizia, si servivano di un tassista 62enne per effettuare le consegne dello stupefacente.

Gli arresti sono scattati nel fine settimana. Quattro trafficanti, tra cui i due fratelli “menti” del gruppo, sono finiti in carcere. Per il tassista il gip ha disposto gli arresti domiciliari. L’ultimo del gruppo ha l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Nel corso dei fermi gli agenti hanno perquisito le abitazioni degli indagati sequestrando altri 30 grammi di cocaina e 5mila euro cash.

Francesco Gastaldi
Francesco Gastaldi
Giornalista professionista dal 2004, formatosi sulle cronache sportive prima di imboccare la strada della cronaca e della politica. Vent'anni e oltre di redazione al Cittadino di Lodi, iniziando sui campi di calcio della serie D per terminare co-dirigendo il desk di cronaca. Oggi collabora con il Corriere della Sera Milano e associazioni di categoria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles