21.3 C
Milano
sabato 20 Agosto 2022

Salone del Mobile e Super Salone di Milano: novità 2021

A Milano è il momento del Salone del Mobile e del Super Salone. L’evento ha rappresentato una vera e propria sfida dopo l’avvento della pandemia da coronavirus. Ma ha anche costituito una prima occasione di rilancio per la città, che si è trovata a ospitare la vetrina internazionale del design. Si tratta di un’opportunità importante per il settore fieristico, visto che il comparto è stato duramente colpito dai lockdown che si sono susseguiti negli ultimi mesi.

Di fatto, sono passati quasi due anni dall’ultima fiera internazionale tenutasi in città. E in questo contesto, fondamentale è risultata l’attenzione per la sicurezza. A partire dalla scelta di realizzare l’evento alla fine dell’estate, quando tradizionalmente quest’ultimo avveniva durante la primavera. Per i visitatori e gli espositori coinvolti, si è concretizzato quindi un ritorno alla normalità che era atteso da tempo.

Salone del Mobile e Super Salone 2021: com’è cambiata Milano in questi giorni

Per molti cittadini milanesi, il Salone del Mobile e il Super Salone hanno costituito un primo importante ritorno alla normalità. Sono stati tantissimi gli eventi e le occasioni per godersi la vetrina del design anche al di fuori dell’area fieristica. 

La città si è costellata di installazioni e di opportunità di confronto, permettendo un contatto diretto con i marchi di design e i grandi e piccoli esponenti del settore.

Il Fuori Salone, in particolare, sta animando diverse zone di Milano, offrendo tanti spunti interessanti ai cittadini milanesi al rientro dalle ferie. Oltre al settore del mobile, gli eventi hanno coinvolto i principali marchi del food, artisti internazionali, gallerie espositive e aziende del delivery. Ma importante è stata anche la presenza della pubblica amministrazione.

La settimana del design termina oggi 10 settembre 2021

Partita lo scorso 5 settembre, la settimana dedicata al mobile e al design terminerà nella giornata di oggi 10 settembre. Il Salone ha coinvolto quattro padiglioni all’interno della Fiera di Rho. Ingenti le misure di sicurezza, a partire dall’obbligo di prenotare il biglietto di ingresso (nominativo) e di scegliere la fascia oraria di visita. In questo modo, si è potuto evitare il sovraffollamento, abbattendo il conseguente rischio di contagio.

A Milano le installazioni e gli eventi del Fuori Salone hanno invece coinvolto moltissimi quartieri. Oltre alle principali piazze, sono stati recuperati spazi espositivi da edifici industriali, che hanno accolto gallerie e laboratori. Anche le università e gli ospedali hanno concesso spazi utili per esporre diverse tipologie d’installazioni, dalle sculture ai giochi di luce. 

Infine, non sono mancati murales giganti e attività di performance dal vivo. Il tutto al fine di rendere speciale una vetrina internazionale che ha rappresentato anche l’occasione per guardare al prossimo futuro con rinnovato ottimismo e con la speranza che il peggio sia ormai alle spalle.

Stefano Calicchio
Stefano Calicchio
Giornalista e Scrittore digitale. Laureato in Relazioni Pubbliche e in Psicologia, Master in Risorse Umane e Organizzazione aziendale. Iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Lombardia. Caporedattore per Milano Top News. Mi occupo prevalentemente di lavoro, pensioni, welfare. Figuro tra i 100 autori più letti nella sezione economia e management di Amazon Kindle, Apple iBookstore, Kobo e Google Play.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles