29.4 C
Milano
sabato 13 Agosto 2022

Ddl Zan, a Milano in diecimila per urlare “vergogna” al Senato

Vergogna, vergogna!”. In diecimila sotto l’Arco della Pace a Milano hanno sfilato contro l’affossamento del ddl Zan mercoledì in Senato (con successive scene da stadio dopo l’approvazione della “tagliola” promossa da FdI e Lega). Erano in tantissimi all’Arco della Pace di Milano, a protestare spontaneamente  contro la bocciatura, da parte del Senato, del ddl contro l’omotransfobia.

Alcuni momenti della manifestazione di giovedi’ sera all’Arco della Pace

Tra i momenti più’ sentiti l’accensione di migliaia di luci nel presidio promosso dai Sentinelli di Milano, da Arcigay, dal Coordinamento Arcobaleni. In molti hanno quindi aderito chiedendo che “i senatori si prendano la responsabilità di quanto è successo“. “La manifestazione – hanno detto gli organizzatori – rappresenta la scollatura tra la gente e la politica“. “Vergogna“, è stato scandito più volte verso coloro che “hanno riso di fronte alla negazione dei diritti civili“.

Il presidio e’ avvenuto meno di 24 ore dopo la bocciatura del ddl e ha richiamato migliaia di persone da tutta la citta’. Oltre ai cori “vergogna”, i presenti hanno acceso migliaia di luci prima di sedersi per due minuti e poi rialzarsi “a dimostrazione che non ci arrenderemo. La nostra battaglia per l’inclusione e per i diritti di tutti non finisce qui”. Successivamente sulla piazza e’ risuonato il canto “we shall overcome”, inno del Movimento per i diritti civili in America. Fabio Pellegatta, presidente di Arcigay Milano, commenta: «Quello che è successo in Senato è una vergogna. L’Italia merita di più di questi sporchi giochi sulla pelle delle persone LGBT+».

Ddl Zan: “Nessun franco tiratore nel Pd”

La stessa capogruppo Pd in Senato Simona Malpezzi a Repubblica ha confermato “che si andra’ avanti”. Poi sul tema dei franchi tiratori dice: “In un voto segreto nessuno può permettersi di fare insinuazioni. Ma ho grande fiducia nel gruppo parlamentare che ho l’onore di guidare. Siamo stati tutti compatti. Quindi no, nessun franco tiratore nel Pd perché tutti i passaggi sono stati concordati con il segretario e con il gruppo”.

Francesco Gastaldi
Francesco Gastaldi
Giornalista professionista dal 2004, formatosi sulle cronache sportive prima di imboccare la strada della cronaca e della politica. Vent'anni e oltre di redazione al Cittadino di Lodi, iniziando sui campi di calcio della serie D per terminare co-dirigendo il desk di cronaca. Oggi collabora con il Corriere della Sera Milano e associazioni di categoria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social
- Advertisement -spot_img

Latest Articles